mercoledì 14 giugno 2017

URBAN.MODERNDANCE | L'hip hop avrà un museo, Harlem si prepara a celebrare la storia del 'flow'

Sorgerà nel quartiere di New York, a una manciata di miglia dal Bronx dove è nata la cultura rap, il luogo ufficiale di pellegrinaggio per tutti gli amanti del genere. Un edificio di 20 piani con una hall of fame, un ristorante e molti cimeli. Anno di inaugurazione previsto: 2018

Beat, ritmo, rime e flow: è tutto quel che serve all'hip hop. Ora, questo (e molto di più) avrà il suo luogo ufficiale di pellegrinaggio, tra celebrazione e memoria. Uscita dal quartiere (un tempo) degradato del Bronx, la cultura rap - che include anche la nascita dei graffiti - è stata insieme al punk una delle rivoluzioni più importanti della storia della musica degli ultimi quarant'anni.



La città di New York, e per la precisione Harlem, quartiere di Manhattan a poche miglia dal Bronx, destinerà un intero edificio al genere lanciato come una bomba, negli anni Settanta, da una generazione in cerca di rivalsa. L’Official Hip Hop Hall of Fame + Museum to the World avrà un totale di ben 20 piani, con due 'storey' dedicati alla Hall of Fame e ai suoi protagonisti, da Grandmaster Flash a Notorious B.I.G. fino a Jay-Z.



Ci sarà un bar/ristorante, numerosi spazi espositivi e naturalmente un reparto dedicato ai gadget. Il museo vero e proprio raccoglierà cimeli e outfit, ma ci sarà anche uno spazio dedicato agli eventi e uno studio dove saranno realizzati contenuti audiovisivi in collaborazione con la HHHOF Arts & Media Youth Academy.



Ma il museo e l'organizzazione che si è presa in carico il progetto, i cui primi risultati si dovrebbero vedere già nel febbraio del prossimo anno, hanno idee che definire faraoniche è poco: costruiranno un albergo di lusso, un centro commerciale, una tv in-house e una sala concerti, il tutto per un costo stimato attorno ai 150 milioni di dollari. Sarà, così, una sorta di Las Vegas ideata per chi vive e mastica hip hop. Attesi, secondo i fautori dell'opera, oltre un milione di visitatori l'anno. Insomma, sarà un vero e proprio 'rapper's delight', per dirla con le parole della Sugarhill Gang.

http://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2017/06/13/news/l_hip_hop_avra_un_museo_harlem_si_prepara_a_celebrare_il_genere-167977997/?ref=fbpr

Nessun commento:

Posta un commento